Monfalcone: un negozio virtuale per il commercio locale

La Sindaca Anna Maria Cisint illustra caratteristiche e finalità della piattaforma digitale creata dal Comune per supportare esercenti di rivendite al dettaglio e titolari di società di servizi

La transizione digitale è un processo in divenire ormai radicato capillarmente nei territori della Penisola. Non c’è piccolo Comune e città medio grande che non abbia sposato la dimensione smart e realizzato, e/o stia mettendo in cantiere, progetti di servizi digitali ai cittadini e alle imprese.

Il Comune di Monfalcone, in provincia di Gorizia, non sfugge a questo percorso che sta già conseguendo importanti risultati, con una specifica iniziativa in particolare. Ne illustra caratteristiche e finalità la Sindaca Anna Maria Cisint, sollecitata da alcune domande.

Recentemente la sua amministrazione ha lanciato una piattaforma per promuovere il commercio locale. Come è nata questa iniziativa e quali finalità persegue?

L’idea della piattaforma on line è nata per l’esigenza di favorire il commercio locale verso quale siamo molto attenti. E’ una categoria fortemente provata dal difficile periodo che stiamo vivendo e abbiamo cercato di agevolarla introducendo il commercio di Monfalcone tutto unito on line.

Di fatto, ogni partita Iva, non necessariamente a carattere commerciale, può partecipare all’iniziativa. L’idea non ha assolutamente l’obiettivo di sostituire i metodi di vendita tradizionali, ma di affiancarli, dando all’esercente la possibilità di trasformare un contatto, un appuntamento o una vendita avvenuta tramite questo strumento in una relazione di lungo periodo. Il web è alla portata di tutti, ma non tutti sanno come approcciarlo. Con questa iniziativa vogliamo aiutare i commercianti a competere con i grandi colossi. La comodità del commercio via web incontra il rapporto umano dei negozi cittadini.

Come definirebbe la situazione attuale del commercio locale nel territorio del suo Comune, considerando l’impatto pesante della pandemia e le conseguenti restrizioni?

I numeri dicono che possiamo essere contenti. Nel rapporto tra aperture e chiusure Monfalcone ha un saldo positivo. Negli anni abbiamo fatto molte azioni a sostegno delle attività lavorative della Città: abbiamo ridotto le tasse e la Tari, azzerato la Tosap, aumentato i siti per utilizzare le aree in esterno con i tavolini, azzerato la tassa pubblicità, abbiamo destinato 960 mila euro per le attività artigianali, commerciali e per i pubblici esercizi. A supporto di queste azioni concrete, abbiamo reso la Città molto più attrattiva, scegliendo la strada della bellezza: il riconoscimento di Comune fiorito, gli eventi culturali di successo, le iniziative in Rocca.

Come valuta la risposta all’iniziativa espressa finora da parte degli esercenti e della cittadinanza?

Alla conferenza stampa di presentazione avevano aderito 65 attività, di cui già 50 on line. 700 i prodotti, servizi o appuntamenti che operano complessivamente on line sulla piattaforma Sono negozi di abbigliamento, ottici, parrucchieri, centri estetici, ristoranti, bar e liberi professionisti di Monfalcone che hanno partecipato gratuitamente alla prima fase di registrazione delle attività, mentre si accolgono già le adesioni per la seconda fase di inserimento.

Nel comunicato di presentazione della piattaforma si cita un team di esperti che dovrebbe assistere gratuitamente gli esercenti nel gestire il proprio negozio virtuale. Come opera concretamente questo team?

monfalcone.beeasap.com è una grande città virtuale del commercio, in cui proprio come in un grande centro commerciale naturale, le attività del Comune possono creare un loro mini sito personale e mettere a disposizione tutti i loro prodotti per la vendita o la prenotazione, o ricevere richieste di appuntamento per i loro servizi.

Dentro questa città virtuale ogni esercente, sempre con l’assistenza di un team di esperti, gestisce gratuitamente il suo negozio virtuale, permettendo al cittadino di scoprirlo a 360 gradi, inserendo oltre ai propri servizi o prodotti, descrizioni, foto, orari, contatti e indicazioni; potendolo inoltre collegare con gli account social o gli altri siti Internet gestiti dal titolare.

Ogni attività può decidere come gestire il proprio negozio, se sfruttare tutte le potenzialità e approcciarsi al mondo dell’e-commerce o avere una pagina vetrina per essere trovato dai propri cittadini. Il commercio è in forte ripresa a Monfalcone e, grazie a tutte le azioni che stiamo mettendo in campo, sta ridiventando un polo attrattivo importante per il territorio regionale.

Fonte: Il Giornale dei Comuni

Lunedì, 21 Febbraio 2022